Fondazione collettiva

La nostra strategia di investimento in breve

Perspectiva gestisce così il rischio: a colloquio con Andreas Bertschi, senior portfolio manager, e Allan Holmes, sostituto amministratore della Fondazione della Basilese per gli investimenti patrimoniali di istituzioni di previdenza.

Intervista ai due esperti

sulla previdenza al passo con i tempi e sulla strategia dinamica della Fondazione collettiva Perspectiva

Andreas Bertschi è portfolio manager per la soluzione Relax della Fondazione collettiva Perspectiva. Ogni giorno, assieme a un team multi-asset composto da sei persone, stabilisce la composizione della soluzione d’investimento dinamica. Allan Holmes, sostituto amministratore della Fondazione della Basilese per gli investimenti patrimoniali di istituzioni di previdenza, è esperto di investimenti delle casse pensioni e tra le altre cose fornisce la propria assistenza alla Fondazione collettiva Perspectiva

Signor Bertschi, la previdenza per la vecchiaia è fonte di preoccupazione per molti svizzeri. Condivide questi timori?
Bertschi: «Assolutamente sì. La speranza di vita in continuo aumento, che di per sé è un fatto positivo, e i bassi tassi d’interesse si ripercuotono sull’avere di vecchiaia dei futuri pensionati. Questo vale per l’AVS e il terzo pilastro ma naturalmente anche per la cassa pensioni. Per contrastare questo andamento e investire in modo ottimale il patrimonio di previdenza occorrono soluzioni al passo con i tempi.»

Signor Holmes, significa che le casse pensioni sono sotto pressione?
Holmes: «Sicuramente la pressione si fa sentire. Per evitare che la speranza di vita in aumento e la contrazione dei rendimenti generino una copertura insufficiente degli istituti di previdenza, le casse pensioni devono reagire adeguandosi al contesto attuale. Da un lato occorre ridurre le aliquote di conversione, in modo che il capitale risparmiato corrisponda alla crescente speranza di vita, dall’altro lato, assieme al tasso d’interesse tecnico, anche le previsioni dei rendimenti degli investimenti devono essere adeguate al contesto dei bassi tassi d’interesse. Ma anche sul fronte degli investimenti bisogna verificare la percorribilità di nuove strade, diverse dalle strategie attuali.»

Anche lo squilibrio demografico ha un ruolo in tutto questo?
Holmes: «Sì, soprattutto le casse pensioni con molti pensionati avranno sempre maggiori difficoltà a finanziare le rendite in corso, perché le aliquote di conversione non corrispondono più alle possibilità di rendimento e alla maggiore speranza di vita raggiunta.»

La Fondazione collettiva Perspectiva è giovane e non ha ancora pensionati. Siete pronti?
Holmes: «Certamente. Proprio quest’anno dovremmo avere i primi pensionati. Saranno gestiti tramite una cassa pensionati amministrata all’interno di Perspectiva e quindi potranno beneficiare della nostra strategia di investimento dinamica.» (N.d.r.: Perspectiva ha attualmente due beneficiari di rendite di vecchiaia [stato marzo 2017].)

Cosa contraddistingue la Fondazione collettiva Perspectiva?
Holmes: «Essendo una fondazione, Perspectiva riesce a fornire ai nostri singoli clienti opportunità di rendimento superiori, perché l’investimento comune permette di ottimizzare la composizione del portafoglio. Inoltre, con il nostro prodotto Relax offriamo una strategia di investimento dinamica e con il prodotto Choice proponiamo la scelta tra una soluzione di investimento dinamica e tre classici patrimoni misti LPP, che in parte esistono già da oltre 20 anni.»

Come funziona la strategia di investimento dinamica?
Bertschi: «La strategia dinamica rappresenta una gestione del patrimonio di previdenza diversa dalla strategia classica delle casse pensioni. Ripartiamo gli investimenti non secondo quote azionarie o obbligazionarie rigide, bensì analizziamo quotidianamente gli sviluppi sul mercato dei capitali e adeguiamo il portafoglio in modo flessibile ai mercati finanziari, in vista delle tendenze durature di lungo periodo.»

Puntiamo su soluzioni innovative per le casse pensioni

Come decidete quando è il momento di apportare delle modifiche?
Bertschi: «Di norma decidiamo sulla base del cuscinetto per il cosiddetto livello di sicurezza, sotto il quale non si dovrebbe mai scendere, neppure in condizioni di mercato avverse. Questo livello di sicurezza viene determinato annualmente dal consiglio di fondazione e attualmente ammonta al 90 % del patrimonio di previdenza per la soluzione Relax e al 92 % per il patrimonio misto dinamico della soluzione Choice. Un ampio cuscinetto per il livello di sicurezza permette quote azionarie superiori, uno più piccolo richiede una riduzione del rischio.»

Holmes: «Osserviamo nel lungo termine le nostre posizioni d’investimento e spostiamo costantemente e miratamente gli investimenti in azioni, obbligazioni e immobili. Questo ci mette anche al riparo dalle perdite in caso di condizioni di mercato estreme. Ad esempio, nelle fasi di borsa difficili la quota azionaria può essere azzerata per evitare perdite ingenti.»

Chi si occupa dell’investimento patrimoniale?
Bertschi: «Siamo un team multi-asset di sei persone. Ogni giorno almeno uno di noi calcola l’andamento attuale sulla cui base sono apportate le eventuali modifiche alla ripartizione patrimoniale, in particolare tra azioni e obbligazioni.»

Holmes: «L’effettiva scelta dei titoli, ad esempio per quanto riguarda le azioni Svizzera e le obbligazioni in franchi svizzeri, è svolta da altri team di investimento specializzati. Per le classi d’investimento particolari ricorriamo ai prodotti di altri amministratori patrimoniali.»                                                                                        

Perspectiva punta fortemente sulle azioni, sulle obbligazioni e sugli immobili svizzeri. Perché?
Bertschi: «In primo luogo le disposizioni di legge impongono una quota minima del 70 % di investimenti in franchi svizzeri. In secondo luogo riteniamo che l’esposizione sistematica ai rischi connessi alle valute estere sia premiata troppo poco. Infine preferiamo investire solo nelle posizioni che conosciamo o che possiamo valutare. Naturalmente è più facile soddisfare questi requisiti di sicurezza con i titoli nazionali.»

Ponete attenzione alla sostenibilità degli investimenti?
Bertschi: «Abbiamo determinati criteri di esclusione per le posizioni che non soddisfano un livello minimo di sostenibilità o sono moralmente dubbie. L’attenzione principale è tuttavia rivolta alla possibilità di performance e al rischio di un investimento.»

Quanto è interessante per i vostri clienti la strategia di investimento dinamica?
Bertschi: «La strategia ha suscitato molto interesse presso i nostri clienti. Mira in particolare a ridurre i rischi e a mantenere il potenziale di rendimento.»

A quali clienti consiglierebbe i prodotti Relax o Choice?
Holmes: «Per le casse con almeno 50 collaboratori e una certa competenza e capacità di rischio, Perspectiva Choice offre la scelta tra quattro strategie di investimento. Per le casse più piccole occorre valutare se Perspectiva Relax, con la sua strategia dinamica, può essere una valida alternativa a un’assicurazione completa. In questo caso il cliente decide in base al suo istinto. La maggior parte dei clienti che scelgono Relax hanno però riconosciuto l’attuale problematica dei mercati dei capitali.»

Siamo felici di consigliarti

Di vostro eventuale interesse

Rivista