Informazioni utili

Come le start-up possono trovare la cassa pensioni adatta

All’avvio dell’indipendenza professionale il core business è in primo piano. Tuttavia, come vuole la legge, si deve anche pensare alla previdenza professionale. In questo contributo, i neoimprenditori possono scoprire a cosa bisogna fare attenzione quando si cerca la soluzione di previdenza adeguata.

L’idea di fondare un’azienda si accende, strategia di marketing e finanziamento sono inattaccabili, il business plan è pronto. E si parte con l’attività indipendente. Con molta ambizione, molto coraggio e una gran dose di fiducia in sé, si dà il tutto per tutto per la propria start-up, perché alla fine si desidera avere successo sul mercato con quello che si può fare meglio. Molti neoimprenditori però si accorgono presto che oltre al vero e proprio core business, improvvisamente ci sono mille altre cose a cui pensare. Non vi sono solo questioni fiscali e di diritto del lavoro e contrattuale, ma anche questioni relative alla previdenza professionale:

  • Quali assicurazioni di previdenza sono obbligatorie per una start-up?
  • Vi sono differenze a seconda della forma giuridica?
  • Come scopro quali soluzioni sono adatte alla mia azienda?

Sicuramente trovare la previdenza adeguata è un processo lungo. La soluzione corretta è sempre preceduta da confronti tra le offerte e approfonditi colloqui di consulenza, ma vale comunque la pena conoscere le caratteristiche fondamentali della propria situazione previdenziale e assicurativa. Per questo motivo vi forniamo ora le informazioni più importanti proprio qu.

La forma giuridica fa la differenza

Chi fonda una start-up è obbligato, se necessario, a occuparsi di assicurazioni e soluzioni di previdenza per se stesso e per i propri collaboratori. Ma cosa fa la differenza? Un importante punto di riferimento è la forma giuridica. I titolari di ditte individuali nonché di società collettive e in accomandita sono considerati lavoratori indipendenti e devono iscriversi alla cassa cantonale di compensazione (AVS) se realizzano più di 2300 CHF all’anno. Al contrario, altre assicurazioni sociali come il 2o pilastro e l’assicurazione contro gli infortuni e quella d’indennità giornaliera in caso di malattia non sono obbligatorie. I lavoratori indipendenti possono però scegliere volontariamente di essere soggetti alla previdenza professionale e farsi assicurare nello stesso istituto di previdenza in cui sono assicurati anche i dipendenti. Lo stesso vale anche per l’assicurazione contro gli infortuni e l’assicurazione d’indennità giornaliera in caso di malattia.

Previdenza obbligatoria per SA e Sagl

In una SA o Sagl i titolari sono considerati dipendenti. Questi sono soggetti alla LPP e devono assicurare se stessi e il proprio team a partire da una certa somma salariale (attualmente a partire da 21 330 CHF). Un’assicurazione sociale diventa quindi obbligatoria, così come l’assicurazione contro gli infortuni. Secondo la LAINF, ogni persona occupata in Svizzera deve essere assicurata contro gli infortuni professionali e le malattie professionali e, se è occupata per almeno otto ore a settimana presso lo stesso datore di lavoro, anche contro gli infortuni non professionali.

Fissare una consulenza con un esperto

gratuita e non vincolante

Trovare la cassa pensioni giusta

Assicurazione contro gli infortuni, AVS, assicurazione contro la disoccupazione, cassa di compensazione per assegni familiari: sulla check-list di una start-up vi sono molte cose da fare che devono essere spuntate. Tra queste non va dimenticata l’attività lavorativa giornaliera. La tentazione di trascurare la previdenza professionale a causa delle sua complessità è quindi forte. Attenzione però: un infortunio o una malattia può rapidamente significare la fine dell’azienda. E una volta ritirati dalla vita professionale, non vorrete tentare la sorte e scoprire se la vendita aziendale frutti o meno il capitale di vecchiaia necessario. Per questo vale la pena occuparsi per tempo di una possibile affiliazione a una cassa pensioni.

Due opzioni

Per quanto riguarda la scelta della cassa pensioni adatta, di norma le start-up hanno di fronte due opzioni: l’assicurazione completa e la cosiddetta soluzione semiautonoma. Nella fase iniziale i neoimprenditori soffrono costantemente di mancanza di tempo; per questo la previdenza professionale dovrebbe rappresentare il minor onere possibile e nel contempo offrire la maggior sicurezza possibile. A tal fine l’assicurazione completa è la scelta adatta: i rischi invalidità e decesso sono coperti tramite l’istituto collettivo o il relativo assicuratore e l’avere di vecchiaia è sempre assicurato al 100%:

Assicurazione completa: innanzitutto la sicurezza

Sicurezza elevata, rendimento basso: ecco un breve riassunto dell’assicurazione completa. Tuttavia, è importante tenere a mente che negli ultimi anni il rapporto prezzo-prestazioni nel caso dell’assicurazione completa è diventato sempre più svantaggioso. A causa dei bassi tassi d’interesse risulta, quando possibile, solo un rendimento ridotto; inoltre le prescrizioni limitano il margine d’azione relativo alla strategia di investimento. Certo, l’assicurazione completa offre sempre una garanzia al 100%, ma i clienti pagano un prezzo sempre più elevato per sempre meno prestazioni.

Soluzione semiautonoma: sfruttare le opportunità di rendimento

Nel caso della cassa pensioni semiautonoma la situazione è diversa: siete più liberi nella strategia di investimento e avete quindi più possibilità di sfruttare opportunità di rendimento per gli assicurati. Gli assicurati hanno probabilità di un interesse più elevato dell’avere di vecchiaia e quindi di rendite più elevate, e questo a un prezzo più conveniente. Proprio per le start-up la soluzione semiautonoma è una buona scelta: le aziende con collaboratori prevalentemente giovani pagano premi di rischio significativamente più bassi. Ogni anno risparmiate quindi nei contributi per la cassa pensioni, pur mantenendo al contempo la probabilità di rendite più elevate.

Controllare ora le esigenze

Dopo tutta questa teoria è ora di andare sul concreto. Il nostro check della previdenza per start-up  vi fornisce una panoramica dettagliata sulla situazione previdenziale e assicurativa della vostra azienda. Uno strumento pratico per chiarire le vostre esigenze individuali e una buona base per i colloqui di consulenza con esperti e istituti di previdenza.

Fissare una consulenza con un esperto

gratuita e non vincolante

Di vostro eventuale interesse:

Rivista